L’assistente di studio veterinario: chi è e cosa fa

La figura dell’assistente veterinario è molto importante oggi, poichè è a lui che vengono delegate attività e compiti importanti da parte del medico veterinario per lo svolgimento delle sue funzioni all’interno di uno studio.
Per ricoprire questo ruolo è necessario prima formarsi al meglio e acquisire una serie di competenze specifiche nel settore. Per fare questo, basta scegliere il giusto percorso formativo, che garantisca una preparazione ottimale.

accademia-del-lavoro-assistente-di-studio-veterinario

L’Animal Care è una delle materie principali di ogni buon corso per assistente studio veterinario. Lavorare con gli animali significa infatti apprendere conoscenze e tecniche relative a:

  • assistenza animali e cura
  • metodi di allevamento
  • l’arte della toelettatura
  • etologia
  • anatomia animale

L’assistente di studio veterinario è un punto di riferimento importante in uno studio o in una clinica veterinaria, poiché svolge diversi compiti, anche burocratici e amministrativi che sono comunque inerenti l’attività di studio. Per diventare assistente di studio veterinario, è necessario avere una serie di attitudini specifiche, tra cui:

    • Cortesia, disponibilità e pazienza
    • Buona capacità relazionale
    • Particolare attenzione all’igiene e alla pulizia
    • Interesse e amore per gli animali
    • Interesse per le cure mediche
    • Capacità di sopportare cattivi odori
    • Senso Pratico

L’impegno fisico e psichico dell’assistente di studio veterinario

Accanto a queste qualità, poi, non bisogna dimenticare che l’assistente studio veterinario è una figura professionale molto impegnativa, sia dal punto di vista fisico che psichico e richiede una serie di sforzi non indifferenti.
Per quel che concerne il lato fisico, è bene ricordare che l’assistente di studio veterinario ha spesso a che fare con animali di taglia medio – grande, che è chiamato a preparare, a mantenere durante le fasi di visita da parte del medico, con tutti i rischi che questo comporta.
Per quel che concerne invece il lato psicologico, il professionista si trova spesso ad affrontare situazioni di forte stress, dovuto ad orari di lavoro pesanti, nonché a dover avere a che fare con i proprietari degli animali, il più delle volte in ansia e preoccupati per la salute del loro animale.
Il coinvolgimento emotivo, inoltre, dovuto all’amore che anima questa professione, è sempre dietro l’angolo e può portare a situazioni molto delicate e anche dolorose.

Le attività che svolge un assistente veterinario

L’Assistente di studio veterinario svolge preziose attività all’interno dello studio. Si occupa dell’organizzazione e dell’amministrazione dello studio, della gestione degli appuntamenti, dell’assistenza durante le visite, della fase preparatoria e successiva alla visita dell’animale, delle analisi di laboratorio opportune.
Si preoccupa di tenere calmi e nella giusta posizione gli animali, esegue i trattamenti e si occupa della sterilizzazione degli strumenti di lavoro, della pulizia delle gabbie, oltre ad assistere in tutto e per tutto gli animali degenti.
Le sue competenze spaziano dall’ambito dell’assistenza prettamente medica, con compiti quali:

  • la consegna dei medicamenti e delle cure per l’animale
  • l’istruzione ai proprietari degli animali su come somministrare farmaci e terapie
  • a compiti che riguardano anche:
  • l’aggiornamento dello schedario clienti
  • la tenuta della corrispondenza e dei referti
  • l’ordine di materiali, strumenti e medicinali