Diventare operatore fiscale: una preparazione seria comincia con un sorriso

accademia del lavoro diventare operatore fiscale jpg

Un professionista serio, competente e preparato si riconosce al primo colloquio, perché sa trattare con distacco la propria materia, in quanto la domina, non ne è dominato. Per aiutare ogni futuro operatore fiscale a sviluppare questo sano distacco emotivo ecco una collezione di battute famose e considerazioni ironiche sull’argomento tasse. Un armamentario professionale da usare con se stessi nei momenti di maggiore stress psicologici e con i clienti per alleggerire l’amaro momento della presentazione del totale da pagare. Perché si sa: mal comune, mezzo gaudio.

Diventare operatore fiscale: ecco cosa pensano i grandi

L’ispettore delle imposte è una persona che crede esattamente al doppio di quello che gli si dice.

(Ugo Tognazzi)

 

 

L’umiltà è una virtù stupenda. Il guaio è che molti italiani la esercitano nella dichiarazione dei redditi.

(Giulio Andreotti)

 

Perché un leggero aumento delle tasse ci costa 200 dollari e un sostanziale taglio delle tasse ci fa risparmiare 30 centesimi?

(Peg Bracken)

 

Credo che si dovrebbero pagare le tasse con un sorriso. Io ci ho provato, ma loro volevano i soldi.

(Anonimo)

 

Gli italiani non amano pagare le tasse, è vero. D’altronde neanche i tassi amano pagare le italiane.

(LeonardoCifra@twitter)

 

Tutta l’arte di un buon governo consiste nello spiumare l’oca in modo da ottenere il massimo di piume con il minimo di crisi.

(Jean-Baptiste Colbert, politico francese del XVII secolo)

 

Gli italiani pagano la metà delle tasse che dovrebbero, per aiutare i politici a non mangiare il doppio.

(Anonimo)

 

Un milionario è un miliardario che paga le tasse.

(Jean Rigaux)

 

L’operatore fiscale è quel professionista che rende più facile pagare le tasse. Scusate, ma una volta non si chiamava “anestesista”?

(Anonimo)

 

Bisogna tassare la frase “diminuirò le tasse”.

(Frandiben@twitter)

 

Se ti arriva una bolletta pagala subito, non lasciarla mai sulla scrivania con le altre, perché di notte si riproducono.

(Enrico Brignano)

 

Quando io do quattro colpi di pedale, tre sono per lo Stato e uno è per me.

(Bernard Hinault, campione di ciclismo)

 

Il canone Rai è la tassa più evasa dagli italiani perché la considerano un doppione della tassa sull’immondizia.

(Mauro Dech)

 

Avete già compilato la dichiarazione dei redditi? Io mi rivolgo sempre allo stesso commercialista, che ogni anno mi promette che, in caso di revisione contabile, mi farebbe avere una comoda cavigliera elettronica.

(David Letterman)

 

Nella vita ci sono solo due cose certe: la morte e la tasse. Il problema è che le seconde arrivano ogni anno.

(Anonimo)

 

L’operatore fiscale è come il prete: è l’intermediario con un potere superiore. Peccato che non si possa pagare con 10 avemaria.

(Anonimo)

 

Ci sono solo tre predatori che mettono paura all’uomo: lo squalo, il leone e l’esattore delle tasse.

(Sir Charles J.C. Lyall)

 

 

Fonti:

Aforisticamente.com

Anche le formiche nel loro piccolo si incazzano, Gino e Michele, Mondadori