Notizie dal settore odontoiatrico: il tè fa bene ai denti

Il tè sarebbe un ottimo sbiancante naturale: le ultime notizie dal settore odontoiatrico dicono che il tè, secondo le ultime ricerche, aiuta anche a rafforzare lo smalto dei denti e a prevenire la carie.
La bevanda più consumata al mondo, soprattutto nei Paesi orientali, contiene grandi quantità di fluoro, rivelandosi quindi prezioso alimento in grado di difendere i nostri denti dagli attacchi degli acidi dei cibi.
La pianta del tè assorbe infatti il fluoro dal terreno, arricchendosi di questo prezioso minerale, utilissimo per la salute dentale.
Lo studio viene questa volta dall’Inghilterra, e precisamente dal dietista T. J. Bond che, insieme alla nutrizionista Carrie H. S. Ruxton, ha pubblicato i risultati dei suoi studi sulla nota rivista Nutrition Bulletin.
La dose ideale da assumere al giorno per avere una buona difesa quotidiana di fluoro che garantisca la salute dei denti sarebbe di 4 tazze di tè nero. A dichiararlo è la dottoressa Carrie, che è anche membro del Tea Advisory Panel Freelance Dietitian di Londra, che ha spiegato anche che, maggiore è il tempo in cui si lascia in infusione il tè, più grandi saranno i benefici che ne deriveranno ai denti.
Lo studio dei due ricercatori si è concentrato su 49 tipi di bustine di tè. preparando tre infusi da ogni bustina e miscelando le tazze. Con questo metodo, si è potuto calcolare la quantità di fluoro media presente in ogni tazza.
Terminato l’esperimento e individuate quantità di fluoro dagli 0,72 a 1,68 mg per tazza, sono riusciti anche a scoprire che le maggiori quantità di fluoro erano riscontrabili nelle bustine di tè più economiche e in quelle deteinate.
La scoperta dei due ricercatori sta aprendo nuove possibilità di intervento nell’industria alimentare e farmaceutica, che punteranno su prodotti a base di tè nero.
Ad arricchire questa scoperta è anche un’altra sorprendente notizia: il tè al latte sarebbe un ottimo sbiancante naturale per i denti.

accademia del lavoro notizie del settore odontoiatrico 1 jpg
Tutto merito della caseina, vale a dire la proteina più importante del latte, che è in grado di catturare i tannini, mantenendo i denti più bianchi.
Quest’altra scoperta viene dall’Università dell’Alberta e precisamente da Ava Chow.
Nata da un semplice esperimento didattico, ha poi portato alla luce risultati interessanti, pubblicati anche
sull’International Journal of Dental Hygiene.
Lo studio della ricercatrice ha potuto evidenziare il cambio di colore dei denti estratti, dopo che erano stati tenuti per una giornata immersi in tè in purezza e in tè macchiato di latte.

notizie del settore odontoiatrico accademia del lavoro jpg

Il latte, o meglio la caseina del latte, ha ridotto la colorazione, con un indice di efficacia pari a quella di tanti altri prodotti sbiancanti presenti in commercio e con coefficienti maggiori rispetto anche a tanti dentifrici specifici.