Diventare erborista: ecco le piante contro il mal di testa

Sono circa 7,2 milioni gli italiani che soffrono di emicrania, vale a dire il 12% della popolazione: i numeri sono davvero impressionanti, se si pensa che questa percentuale sale al 18% se si prendono in considerazione soltanto le donne.
Il mal di testa è ad oggi la malattia neurologica più frequente e diffusa nei paesi sviluppati. Ci sono tanti tipi di cefalee ed emicranie, molte di queste davvero invalidanti e in gradi di ostacolare la normale vita quotidiana.
Eppure dalla natura arrivano dei rimedi efficaci contro il mal di testa, piante officinali che si possono trovare in erboristeria e possono essere usate sotto la guida dell’erborista.


I rimedi naturali contro le emicranie vengono dal passato, dal momento che anche nell’antichità era spesso la natura a dare risposte a diversi tipi di dolore e disagio fisico.

Una tisana contro l’emicrania

Pare infatti che l’infuso di foglie di fragola selvatica sia un toccasana per curare l’emicrania. Basta far essiccare le foglie a fine estate e utilizzarle per preparare una tisana che si rivelerà un prezioso rimedio.

Le piante cefaliche

Si chiamano piante cefaliche e sono tutte quelle piante che si rivelano preziosi calmanti contro il mal di testa. Tra queste un posto d’eccezione ricopre la lavanda con i suoi plurimi benefici e con la sua azione calmante sul mal di testa. I suoi fiori possono essere utilizzati per farne una tisana o si può usare l’olio essenziale di lavanda unito a quello di mandorle per massaggiare le zone più dolenti; e c‘è chi consiglia anche di usare l’olio alla lavanda per fare dei fumeggi con acqua bollente.
Accanto a questa, anche i fiori d’arancio, il timo, il limone e la valeriana, il serpillo e il timo costituiscono piante naturali contro l’emicrania.


Sicuramente più comune e diffusa è la menta, che da sempre è conosciuta per il suo effetto benefico sul mal di testa. Pare che gli antichi usassero strofinare sulle tempie delle foglie di menta per curare il mal di testa, mentre oggi vengono mescolati insieme 10 grammi di essenza di menta con 10 grammi di tintura di radice di valeriana. Dal composto ottenuto, poi, si prelevano 20 gocce intingendo una zolletta di zucchero da sciogliere in bocca.

Il mal di testa: spesso un problema di digestione

È ormai noto che spesso il mal di testa è collegato a problemi di cattiva digestione. Per questo motivo, rimedi naturali possono essere:

  • bere un bicchiere di acqua e limone
  • bere tè o caffè, che contengono teobromina e teofillina, ma senza abusarne (un’antica usanza vuole che per
  • eliminare il mal di testa si debba bere una tazzina di caffè amara con la scorza di limone).

Senza dimenticare, poi, l’effetto benefico di piante quali la dulcamara, il rosmarino e l’iperico, efficaci contro il mal di testa da stress e persino contro quello da “sbornia”.

rimedi contro il mal di testa accademia del lavoro 3Il mal di testa di origine muscolare

Molti tipi di emicrania dipendono da tensioni muscolari, che interessano collo e spalle e spesso irradiano il dolore fino alla testa. In questi casi, una pianta infallibile, da assumere sotto forma di creme massaggianti, è l’artiglio del diavolo, che ha proprietà analgesiche e anti-infiammatorie.

La riflessologia auricolare: un rimedio olistico per il mal di testa

Oltre all’erborista, per guarire il mal di testa ci si può rivolgere ad un operatore olistico, che potrà consigliare il rimedio della riflessologia auricolare.
Questa tecnica utilizza il padiglione auricolare a fini terapeutici, basandosi sul fatto all’orecchio arrivano i riflessi di tutti gli organi e le parti del corpo.
Stimolando adeguatamente le terminazioni nervose e vascolarizzate che si trovano nell’orecchio, magari con l’aiuto di una molletta, si inviano impulsi al cervello in grado di scatenare specifici fenomeni fisiologici e biochimici che aiutano a riportare equilibrio nella parte del corpo che corrisponde al punto stimolato.
Il lobo, in questo caso, è proprio la parte auricolare che è collegata alla testa e al cuore e pare che facendo una leggera pressione con una molletta in questo punto, ne derivi beneficio per l’emicrania e per il cuore.