Supply Chain: nuove vie commerciali per il 2050 e competenze in data science e cybersecurity richieste ai professionisti di domani

 In News

Il recente rapporto dell’International Transport Forum dell’Ocse lo ha decretato con chiarezza: al centro delle proiezioni al 2050, vi sono, oltre all’individuazione di alcune tecnologie dirompenti, quali l’elettrificazione, la guida autonoma, gli effetti indotti dall’e-commerce e la stampa 3D, anche le nuove vie commerciali internazionali.

Nel rapporto si legge, infatti, che da qui al 2050 il trasporto internazionale merci potrebbe triplicare, con un forte incremento di quello aereo e con una parte del leone (circa il 75%) svolta dal traffico via mare.

La crescita indotta dai trasporti internazionali avviene di pari passo con la continua accelerazione della connettività e l’enorme potenziale di utilizzo dei Big Data collegati alle operazioni logistiche internazionali e locali.
Crescono anche le operazioni di programmazione e controllo e i problemi connessi alla cybersecurity e sono proprio questi fattori che richiedono lo sviluppo delle nuove professioni. Il prossimo quinquennio vedrà un aumento degli occupati nel settore della Logistica, tenendo conto proprio di questo nuovo e delicato scenario.
Si apriranno strade e opportunità a tutti coloro che dimostreranno di avere competenze altamente specifiche nei settori della cybersecurity e nell’utilizzo di tool, piattaforme e strumenti tecnologici legati alla gestione dei big data.
Sono già in atto ingenti investimenti in tecnologia e in capitale umano e per quanto riguarda questo secondo aspetto, è possibile individuare una sorta di classificazione di competenze ben precise che costituiranno corsia preferenziale di accesso al nuovo mercato del lavoro nel settore della logistica. In particolar modo, i nuovi professionisti dovranno dimostrare di avere le seguenti doti:

  • Management: per quelle figure dedicate prevalentemente ad aspetti decisionali e gestionali del business.
  • Ingegneria: con un’elevata specializzazione a contenuto prevalentemente informatico-ingegneristico.
  • Capacità di back office.
  • Capacità tecniche: richieste per gli operatori dedicati prevalentemente alla manutenzione e al controllo di macchinari e veicoli.
  • Piloti e conduttori.
  • Personale dedicato alla guida dei mezzi di locomozione o operatori.
  • Addetti generici.
  • Addetti dedicati a funzioni connesse all’ambito del delivery dei servizi della logistica.

Accanto a queste competenze, acquisibili grazie ad appositi percorsi formativi, come ad esempio quelli organizzati da Accademia del Lavoro nel settore della logistica, ci sono poi delle skill, che fanno la differenza, quali:

  • livelli elevati di comprensione ed espressione scritta e orale
  • information ordering ovvero la capacità di catalogare informazioni in base a delle regole ben precise
  • capacità matematiche e di ragionamento matematico
  • conoscenze in ambito amministrativo ed economico
  • formazione in tema di orientamento al servizio e gestione delle risorse umane
  • capacità di problem solving e decision

Scopri i corsi di ADL sulla Global Supply Chain, Logistica Portuale e Marittima e Logistica Aeroportuale.

Autorizzazione n. IT-EVO-01-20-001 e IT-EVO-01-20-002
Contattaci

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt
Apri la chat
💬 Hai bisogno di informazioni?
Ciao, come possiamo aiutarti?